**Def: bozza, 'risposta strutturale a 'caro energia' sia a livello nazionale che Ue'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 19 apr. (Adnkronos) – "Continuare ad operare per una risposta più ampia e strutturale alla crisi energetica, sia con azioni a livello nazionale che con l’attiva partecipazione alla formulazione delle politiche europee". E' quanto si legge nella bozza di risoluzione al Def su cui è ancora aperto il confronto nella maggioranza.

Si impegna il governo "sul piano nazionale, ad adottare con celerità, di concerto con le imprese del settore, interventi per la diversificazione degli approvvigionamenti energetici e il conseguimento di una maggiore autonomia energetica nazionale, nel rispetto del quadro definito dal Green New Deal europeo". Ed inoltre a "proseguire nell’azione di contrasto del cosiddetto 'caro-energia' adottando un approccio organico, sostenibile e strutturale, volto ad implementare politiche pubbliche che tutelino e mettano al riparo da oscillazioni eccessive del prezzo dell’energia elettrica microimprese e clienti finali, soprattutto civili vulnerabili o in condizioni di povertà energetica, anche mediante investimenti per l’efficienza energetica nell’edilizia residenziale e popolare, il ricorso a contratti di acquisto di energia rinnovabile di lungo periodo, la promozione dell’autoconsumo e delle comunità energetiche, nel rispetto degli obiettivi di finanza pubblica indicati nel Def 2022, nonché migliorando i meccanismi di funzionamento e la trasparenza dei mercati dell’energia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli