Def: Misiani, 'l'Italia ha bisogno di un patto per la ricostruzione'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 22 apr (Adnkronos) – "Riaprire è necessario. Ma dobbiamo farlo in sicurezza e in modo irreversibile. Il governo ha deciso un calendario di riaperture ragionevole. Si è assunto un rischio calcolato. Dobbiamo sostenere questa scelta, evitando il gioco del più uno". Lo ha detto Antonio Misiani in aula al Senato nel dibattito sul Def.

"E’ necessaria una nuova tornata di ristori, facendo arrivare i soldi il più rapidamente possibile. E’ necessario intervenire sulla liquidità: a fine giugno scadono moratorie su 158 miliardi di prestiti a imprese e famiglie, vanno prorogate fino a fine anno, così come l’operatività del Fondo centrale di garanzia. I nuovi prestiti garantiti dallo Stato hanno raggiunto 180 miliardi di euro. La durata di quelli superiori a 30 mila euro va allungata, come abbiamo già fatto per quelli di minore importo", ha spiegato il senatore del Pd.

"Spendere tutti i 237 miliardi del PNRR entro il 2026 comporta un cambio di passo radicale, per la pubblica amministrazione italiana. Per questo, contestualmente alla presentazione del PNRR, è necessario intervenire sulla normativa e la governance per l’attuazione del Piano", ha proseguito Misiani precisando tra l'altro: "Dobbiamo valorizzare il ruolo del Parlamento, istituendo una Commissione bicamerale che controlli l’attuazione del Piano, e della società civile, creando luoghi e modalità con cui le parti sociali, le associazioni e i singoli cittadini possano accedere alle informazioni, interloquire con le amministrazioni e controllare l’iter dei singoli progetti". Per Misiani, "L’Italia ha bisogno di un Patto per la ricostruzione, di un patto sociale della portata di quello che nel 1993 fu promosso da Carlo Azeglio Ciampi e che portò il Paese fuori dalla drammatica crisi del 1992".