Def, Napoli (Fi): no coraggio governo per scelte difficili ma utili

Pol/Vlm

Roma, 3 ott. (askanews) - "Se il Def è la porta d'ingresso della legge di bilancio, allora siamo già in una brutta anticamera. Il governo Conte-bis è il proseguimento, sotto altre spoglie, del Conte-primo, cioè un governo populista e demagogico, che si prepara a investire gli italiani con micro-tasse nascoste qui e là, e piccole mance elettorali da elargire a pioggia. È privo di una linea di marcia, non ha messo in campo un'agenda delle priorità. Ridurre il costo del lavoro è una priorità, ma incrementare di 35-40 euro lordi la busta paga di chi guadagna 1200 euro è una risposta o è una presa in giro?". Lo dichiara in una nota Osvaldo Napoli, del direttivo di Forza Italia alla Camera.

"Il presidente Conte e il ministro Gualtieri non hanno il coraggio di scegliere perché scegliere, in politica, significa scontentare alcuni e alcune fasce della popolazione. Il populismo, come sta dimostrando questo esecutivo, non riguarda soltanto alcune forze di destra ma è ormai un tratto distintivo della politica italiana e non risparmia nessun partito, che sia europeista o euroscettico. Ridurre il costo del lavoro significa mettere a disposizione 13-14 miliardi per un aumento sensibile del reddito del lavoratore, e quei miliardi non vanno spesi in deficit ma vanno trovati attraverso i risparmi di spesa o negando benefici ad altre categorie. Se 13-14 milioni di italiani si ritrovano ad avere 100-130 euro in più al mese allora, sì, possiamo dire che è stato messo nuovo carburante nel motore della crescita. Questo deve fare il centrodestra: indicare le priorità dell'Italia, e presentare proposte credibili da finanziare senza nuovo deficit e nuovo debito", conclude.