Della Vedova a Renzi-Zingaretti: fermiamo taglio parlamentari

Adm

Roma, 5 ott. (askanews) - Benedetto Della Vedova chiede a Matteo Renzi e Nicola Zingaretti di dire no al taglio dei parlamentari nella versione voluta da M5s. Il segretario di Più Europa lo scrive nel suo blog su Huffington post.

"Taglio dei parlamentari sì, ma non così: questa riduzioneè fatta a prescindere da qualunque progetto di ridisegno istituzionale del sistema bicamerale. Il 'taglio' è la pura espressione di una furia iconoclasta e antiparlamentare che non riforma nulla, ma si limita a una mutilazione della composizione delle Camere".

Aggiunge Della Vedova: "Mi appello quindi a Zingaretti e Renzi perché si fermino, finché sono in tempo. Chi vota per questa legge non riforma la Costituzione, ma la subordina all'ideologia di Rousseau e degli impresari dell'antipolitica e di un'idea totalitaria e irresponsabile di democrazia diretta. Che senso ha, da parte di chi ha avversato questa legge fino a ieri, approvarla oggi? Che senso ha per chi ha consentito di formare il nuovo esecutivo per scongiurare il 'rischio Salvini' approvare una riforma costituzionale che, a condizioni date, potrebbe tra qualche mese regalare a Salvini o a 'un Salvini' una maggioranza monocolore al Senato?".

Conclude Della Vedova: "Più Europa ha promosso un appello sottoscritto da decine di accademici contro questa legge che affronta un tema serio e delicato in modo poco serio e sfascista, con conseguenze potenzialmente irreversibili sugli equilibri della democrazia italiana. Questa negligenza, in materia costituzionale rischia di produrre danni letteralmente irreparabili alla democrazia italiana, che tocca a voi ora scongiurare".