Della Vedova: valorizzare missionari italiani e loro soft power

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 ott. (askanews) - "Parliamo spesso dei cervelli in fuga, siamo orgogliosi delle nostre imprese che esportano all'estero, e vogliamo valorizzare tutte le presenze che danno lustro e importanza all'Italia, come quella dei missionari italiani nel mondo e del loro soft power", ha detto il sottosegretario agli Affari Esteri Benedetto della Vedova chiudendo la Conferenza dei missionari italiani nel mondo.

I missionari hanno anche un "ruolo chiave di mediazione culturale, sono portatori di storia" ha aggiunto Della Vedova. "Le testimonianze di oggi hanno restituito la dimensione di una presenza che è per definizione religiosa e spirituale, ma che per quel che riguarda i valori fondativi è fortemente coincidente con quelli della politica estera italiana".

"Era questo l'intento" della Conferenza "che ho fortemente voluto", "la testimonianza dell'importanza che questo pezzo d'Italia all'estero rappresenta per noi" e dell'attenzione del ministero degli Esteri e del governo italiano "che già esiste e mi auguro possa rafforzarsi con il riconoscimento e il confronto che non è stato paludato", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli