Delrio (Pd): sì a taglio parlamentari non è una svendita

Adm

Roma, 8 ott. (askanews) - Il Pd voterà sì al taglio dei parlamentari perché ha avuto "garanzie" su alcune correzioni che tuteleranno il ruolo del parlamento e il voto, comunque, "non è una cambiale in bianco" e nemmeno "una svendita". Lo ha detto il capogruppo Pd alla Camera Graziano Delrio: "Voteremo convintamente", ha affermato.

Delrio ha ricordato le obiezioni del Pd nei precedenti passaggi parlamentari della riforma: "Noi riteniamo che il Parlamento non sia un luogo oscuro, ma la casa della democrazia, il luogo aperto alla partecipazione. Il nostro no era convinto a difesa di questa istituzione parlamentare. E proprio perché abbiamo ottenuto garanzie, che non avevamo nel passaggio precedente, votiamo convintamente sì. Lo avevamo già fatto, con la riforma del Senato".

"Ma questo taglio - ha avvertito - non è una cambiale in bianco, ma è accompagnato a una serie di misure che servono a rafforzare il rapporto tra cittadini e elettori e a non disperdere la rappresentatività dei territori. Si è trovata una sintesi efficace, che dice: le storture che avevamo denunciato verranno corrette immediatamente". Per esempio "verranno ridotti i delegati che eleggeranno il presidente della Repubblica" e "verranno riformati i regolamenti di Camera e Senato. Tutte cose che non c'erano. E' un percorso serio".

C'è poi l'impegno a riformare la legge elettorale: "Abbiamo chiesto una revisione del sistema elettorale, proprio perché continuiamo a credere nella democrazia parlamentare". Certo, "avremmo voluto contestualmente una revisione del bicameralismo perfetto. Ma è una riflessione che possiamo fare nei prossimi mesi". Per il Pd rimane "da superare l'uguale ripartizione dei compiti tra Camera e Senato". Ma, assicura, non è c'è "nessuna cambiale in bianco, è un patto tra persone serie. Non ci sono ricatti, non ci sono svendite. Il Pd ha detto che non avremmo mai votato questa riforma senza le garanzie che abbiamo ottenuto".