Denise Pipitone, la madre ci crede: "Aspettiamo speranzosi"

·1 minuto per la lettura
Denise pipitone Piera maggio
Denise pipitone Piera maggio

L’appello di Olesya Rostova, ventenne russa, ha riacceso le speranze di Piera Maggio. La ragazza è apparsa in una televisione del suo Paese, rivelando di essere stata rapita da bambina e di essere cresciuta in un campo rom, prima di essere trasferita in un orfanotrofio e successivamente adottata. Le sue parole, tramite una segnalazione, sono arrivate al programma Chi l’ha visto. La speranza adesso è che quella giovane possa essere Denise Pipitone, scomparsa nel 2004 a Mazara del Vallo, in provincia di Trapani.

La speranza di Piera Maggio, mamma di Denise

Piera Maggio, mamma di Denise Pipitone, non ha mai perso le speranze. In questi diciassette lunghi anni ha continuato a cercare la figlia. Adesso, tuttavia, mantiene i piedi ben saldi per terra. Presto andrà il Russia per sottoporsi al test del DNA. “La speranza di ritrovare e riabbracciare nostra figlia non è mai venuta a mancare. Cautamente speranzosi attendiamo senza illuderci“, ha scritto sul suo profilo Facebook.

In tanti, in questi giorni, hanno notato la somiglianza tra Piera Maggio e Olesya Rostova. Suggestione oppure verità? Soltanto l’esame del DNA può rivelare se finalmente la donna avrà la possibilità di riabbracciare la figlia Denise Pipitone. I dettagli sulla scomparsa della piccola, di soli 4 anni, non sono purtroppo mai stati chiari.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.