Denuncia e multa da 400 euro per una donna

·1 minuto per la lettura
Rifiuta mascherina in treno
Rifiuta mascherina in treno

Gli ultimi decreti firmati dal premier Giuseppe Conte contengono una norma molto importante: l’obbligo di utilizzo della mascherina nei luoghi al chiuso, al di fuori della propria abitazione, e anche nei luoghi all’aperto. Una regola decisa dal Governo per cercare di contenere la diffusione del Coronavirus. Non tutti, però, sembrano essere intenzionati a rispettare la norma.

Rifiuta la mascherina sul treno

Una passeggera di un regionale per Milano, fermata a Vercelli, ha ricevuto una multa di 400 euro e una denuncia per resistenza per essere salita a bordo del treno senza mascherina. La donna non ci ha pensato due volte e ha aggredito l’agente della polizia ferroviaria che le aveva fatto la multa per il mancato rispetto delle regole anti-Covid. Per questo è stata anche denunciata. Si tratta di una donna di 31 anni di origine peruviana.

La polizia era salita a bordo del regionale Torino-Milano per un controllo organizzato con lo scopo di far rispettare le norme anticontagio. Uno degli agenti si è avvicinato alla donna per chiederle di indossare la mascherina, ma lei si è subito rifiutata. Le è stata fatta una multa di 400 euro, ma la sua reazione è stata molto violenta. La donna ha preso a schiaffi l’agente, che l’ha subito bloccata e poi denunciata. Come previsto dal codice pernale, per reato di resistenza a pubblico ufficiale, ora rischia una pena che può andare dai sei mesi ai cinque anni di carcere.