Dervio, campeggio evacuato a causa del maltempo: 120 sfollati

·3 minuto per la lettura
Evacuazione campeggio
Evacuazione campeggio

La nuova ondata di maltempo che si è abbattuta sulla Lombardia sta generando numerose difficoltà al comune di Dervio che, dopo aver diramato una nota di allerta per la diga Pagnona sul Varrone a rischio esondazione, ha evacuato un campeggio. L’evacuazione ha coinvolto 120 persone e si è resa indispensabile a causa della piena del torrente Varrone e del progressivo aumento delle acque della diga.

Lecco, maltempo e allerta Varrone: evacuate 120 persone da un campeggio

Le autorità del Comune di Dervio hanno disposto l’evacuazione di un campeggio situato in prossimità della diga Pagnona e del torrente Varrone, a rischio esondazione a causa delle piogge abbondanti che hanno caratterizzato l’area per l’intera giornata di mercoledì 4 agosto e che proseguiranno anche nel corso della notte. A momento dell’evacuazione, dal campeggio sono state allontanate 120 persone.

In merito allo stato di allerta e allo sfollamento del campeggio, è intervenuto anche il sindaco di Dervio, Stefano Cassinelli, che ha dichiarato: “Restiamo in allerta perché siamo ben oltre i 50 metri cubi al secondo, dopo i 65 scatta un’ulteriore allerta. Al momento abbiamo fatto evacuare il campeggio a scopo precauzionale, tutti i servizi sono stati allertati e la Protezione civile è pronta a intervenire sul posto”.

Il sindaco Cassinelli ha ribadito che la situazione viene monitorata in modo assiduo e costante ed è strettamente connessa all’evolversi delle condizioni meteo.

Lecco, maltempo e allerta Varrone: strade chiuse e allerte nei comuni

Con l’imperversare dei temporali, è stata stabilita anche la chiusura della strada Tremenico-Subiale a causa di smottamenti. Allo stesso modo, poi, è stata resa indisponibile al transito fino a data da destinarsi anche la strada provinciale 62, sempre in provincia di Lecco. La chiusura della SP 62 è stata necessaria in considerazione di una ingente frana di fango, detriti e rocce che hanno invaso la sede stradale tra Taceno, in Valsassina, e Portone di Bellano.

Gli smottamenti segnalati non hanno provocato danni a cose o persone ma l’area è considerata a elevato rischio in considerazione dell’improvviso abbassamento delle temperature, dei violenti temporali e del forte vento registrato in zona. Simili condizioni climatiche, infatti, hanno reso impossibile la rimozione tempestiva dei detriti.

Il maltempo, infine, ha fatto scattare l’allarme connesso alla piena del torrente Varrone anche nel vicino comune di Valvarrone, situato in prossimità del corso d’acqua.

Lecco, maltempo e allerta Varrone: l’intervento dei vigili del fuoco

Intanto, le squadre dei vigili del fuoco sono a lavoro per monitorare e mettere in sicurezza la zona devastata dal maltempo. Dalle ore 16:00 di mercoledì 4 agosto, i vigili del fuoco hanno effettuato oltre cinquanta interventi dopo aver appurato la presenza di furiosi rovesci nel Comasco. Una quarantina circa di pompieri, in particolare, sono stati indirizzati nella zona meridionale della provincia per prestare soccorso alla popolazione alle prese con allagamenti di strade, cantine e box, scaturiti in seguito all’esondazione di due torrenti che attraversano Villa Guardia. Alcuni cittadini, poi, sono stati aiutati dalle autorità competenti dopo essere rimasti intrappolati nelle auto in sottopassi o avvallamenti.

Tra le zone più colpite dal maltempo, ancora, figurano Como sud, Fino Mornasco, Appiano Gentile e Bulgarograsso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli