Design: da sedia in paglia a seduta intelligente, progetto sperimentale Università Firenze

·4 minuto per la lettura
Design: da sedia in paglia a seduta intelligente, progetto sperimentale Università Firenze
Design: da sedia in paglia a seduta intelligente, progetto sperimentale Università Firenze

Firenze, 19 feb. (Labitalia) – In tempi di smart working, nessun oggetto migliore di una sedia poteva essere ripensato in ottica smart. A questo devono aver pensato gli studenti del Corso di Product Advanced Design, tenuto da Elisabetta Cianfanelli e Virginia Fani presso la Facoltà di Architettura dell'Università di Firenze, presentando nei giorni scorsi i progetti di una smart chair, interamente ideati dai giovani. Due importanti aziende toscane, Savio Firmino ed Edra, che componevano la giuria, hanno selezionato, ciascuna, la propria smart chair. La sperimentazione progettuale è avvenuta grazie alla soluzione PLM (Product Lifecycle Management) di Centric Software utilizzata come strumento didattico e formativo.

Il 18 gennaio scorso Ursula von der Leyen ha lanciato l’iniziativa New European Bauhaus integrata con il programma Next Generation EU. L’iniziativa parte dal modello della storica Bauhaus: creare un collegamento tra scienza e tecnologia e mondo dell’arte e cultura per accompagnare la transizione verso il Green New Deal europeo. In quest’ottica si può inquadrare il lavoro svolto da docenti e studenti di Design e Ingegneria dell’Università degli Studi di Firenze, che hanno collaborato nel dare vita a uno spazio di co-creazione in cui una azienda tecnologica (Centric Software), designer e ingegneri hanno realizzato prodotti altamente tecnologici integrando gli elementi formali ed estetici con uno storytelling legato all’immaginazione degli scenari del futuro.

La seduta del XXI secolo, per il lavoro, lo studio e il tempo libero, è stata reinterpretata nella sua nuova costituzione materica e morfologica e nelle sue nuove funzioni. Un prodotto smart i cui dispositivi integrati emergono in superfice tramite appendici ed interfacce che dialogano con il proprio cloud.

Ne è scaturita una serie di prototipi in 3D e di simulazioni del comportamento strutturale dei vari componenti e del prodotto. Tali sedute collocate in spazi comuni come aeroporti, stazioni e piazze pubbliche, permetteranno di svolgere le attività immaginate per il prossimo futuro ovunque senza avere la necessità di portare con sé alcuno strumento di lavoro, cercando di interpretare una nuova qualità della vita e dell’ambiente.

Simulare processi aziendali ed introdurre nuove modalità didattiche abilitate dall’utilizzo delle tecnologie digitali più all’avanguardia, permette di completare la formazione accademica avvicinandola sempre di più al mondo industriale e di colmare quel gap di competenze con risorse umane pronte per il nuovo futuro.

“Erano anni che pensavo a una didattica più coinvolgente, immersiva e improntata alla collaborazione/trasformazione, in cui si creassero i presupposti per l’accelerazione dei processi di evoluzione, acquisizione e trasferimento delle competenze, contribuendo alla traiettoria di innovazione. Centric Plm ci ha permesso di portare avanti un progetto sperimentale con le stesse dinamiche che vengono utilizzate all’interno delle aziende -afferma Elisabetta Cianfanelli, professore ordinario in Design, Specialista in Industrial design, presidente Cdlm Fashion System Design, Università degli Studi di Firenze, Design Campus-. Sono convinta che l’introduzione nel mondo accademico di soluzioni che vengono utilizzate con successo a livello industriale permetteranno al nostro paese di innovare, pur salvaguardando la tradizione artigianale che rende così unico il Made in Italy e di riuscire a colmare quel divario digitale che ci penalizza nei contesti globali.”

“Il fatto che una delle università più antiche e prestigiose del nostro paese, che ha sede a Firenze, una delle capitali della moda e del design italiano, abbia utilizzato con successo la piattaforma Centric Plm e la veda come un possibile strumento didattico a valore aggiunto, conferma il fatto che le soluzioni di Centric siano realmente market oriented e in grado di rispondere alle esigenze di un contesto dinamico come quello del design e della moda” conclude Kristen Salaun Batby Marketing Director Emea, Centric Software.

Dalla sua sede nella Silicon Valley, Centric Software fornisce una piattaforma di Trasformazione Digitale alle aziende più prestigiose che operano nei settori della moda, del retail, delle calzature, dei prodotti per l’outdoor, dei beni di lusso e di largo consumo, inclusi cosmetici, prodotti di bellezza e generi alimentari.

Centric 8, la piattaforma Plm (Product Lifecycle Management) di punta dell’azienda, offre funzionalità enterprise di merchandise planning, sviluppo prodotti, sourcing, gestione della qualità e delle collezioni, specifiche per i settori fast moving consumer goods. Centric Smb offre tecnologie Plm innovative e importanti best practice di settore, specifiche per brand emergenti. Centric Visual Innovation Platform (Vip) offre un’inedita esperienza completamente visiva e digitale per la collaborazione e il processo decisionale e include la Centric Buying Board, per trasformare le sessioni interne d’acquisto e massimizzare il valore del retail, e la Centric Concept Board, per promuovere la creatività e l’evoluzione del concept di prodotto. Tutte le innovazioni Centric accelerano il time to market, danno impulso all'innovazione e riducono i costi.