Design: Negroni premia vincitori prima edizione dell’Accademia della Stella

·4 minuto per la lettura

Più di 350 studenti coinvolti, oltre 130 progetti presentati e 5 artwork vincitori. Si è chiusa così la prima edizione dell'Accademia della Stella di Negroni, nata in occasione dei 90 anni di Negronetto con l'obiettivo di scoprire, illuminare e sostenere i talenti del nostro Paese negli ambiti che meglio rappresentano le eccellenze del made in Italy. Per la prima edizione dell'Accademia, Negroni ha fatto un viaggio nel mondo della creatività, uno degli ambiti di eccellenza italiani riconosciuti in tutto il mondo. Gli studenti coinvolti tra Ied-Istituto europeo di design, Naba, Nuova Accademia di Belle Arti e Politecnico di Milano - Scuola e Dipartimento di Design, sono stati chiamati a reinterpretare in chiave contemporanea il portato iconico di Negroni che, con i suoi oltre 100 anni di storia, ha contribuito allo sviluppo della comunicazione di brand in Italia.

Dopo un'attenta selezione degli artwork ricevuti, la giuria composta da Matteo Ragni, Francesco Poroli e Anna Godeassi ha decretato le cinque stelle creative che, utilizzando diversi stili, si sono sapute distinguere per originalità, estetica, impatto comunicativo, abilità tecnica e ricerca di un linguaggio semantico ed estetico che raccontasse il marchio, la sua storia ma anche la sua fruizione contemporanea. In palio borse di studio e, per i vincitori del super premio istituzionale, la possibilità di svolgere una sessione di alta formazione negli studi creativi dei giurati, attività che sarà supportata dal brand che si fa quindi ponte tra i talenti del nostro Paese e mondo del lavoro.

"Tante sono le eccellenze del nostro Paese, stelle che diffondono il Made in Italy nel mondo. Con Negroni, che da oltre 100 anni rappresenta la migliore salumeria italiana, abbiamo iniziato questa avventura per scoprirle e sostenere il talento e le capacità dei più giovani. Anche l'anno scelto non è stato casuale: abbiamo infatti celebrato i 90 anni di Negronetto, nato proprio da un'idea imprenditoriale semplice ma geniale. Ringraziamo tutti gli studenti che hanno accettato di partecipare alla prima edizione dell'Accademia della Stella, i docenti e i coordinatori del progetto. È stato per noi un sorprendente viaggio attraverso la creatività", ha commentato Claudia Ferrari, responsabile Marketing Salumi Negroni.

A vincere per Naba, il concept 'Ogni fetta è una stella' di Arianna Aiello, Beatrice Borsari, Alessandra Fabris e Sara Sozzini. Per Ied è Lara Montresor ad aggiudicarsi la vittoria con un visual dalla palette calda che rappresenta l’immagine di un pic-nic in perfetto stile della tradizione italiana. Per il Politecnico di Milano, sono Alessandro Raimondo, Manuel Reale e Lucrezia Valentini i vincitori del premio con il concept 'Nutriamo da sempre la tua fantasia'. Alice Gasparri e Chiara Pezzetti, sempre del Politecnico di Milano, si sono aggiudicate, con il concept 'Se è Negroni si sent', il super premio istituzionale assegnato all’unanimità dalla giuria e dai rappresentanti del brand per la capacità di tradurre in immagine lo storico jingle, che da sempre contraddistingue e identifica il marchio della Stella. Al Politecnico di Milano va anche la menzione social. Lara Macrini, Andrea Pancher e Matteo Paoli sono gli autori del concept 'Una fetta, mille storie', pensato per raccontare l’universo Negroni e le scene quotidiane che collegano le persone al brand in un'unica rappresentazione.

“Mi ha piacevolmente sorpreso come gli studenti siano stati in grado di portare un punto di vista nuovo rispettando la storia, i valori e la tradizione di Negroni. Interpretare un marchio storico è stata una grande sfida e i risultati testimoniamo la maturità progettuale degli studenti dell'Accademia della Stella. È stato un piacere scoprire nuove visioni, un vero e proprio salto nel futuro”, ha affermato Matteo Ragni.

"E’ stato interessante prendere parte alla giuria dell'Accademia della Stella. Sia perché è sempre bello vedere all'opera nuovi talenti, sia perché il confronto con il passato, in questo caso la storia di un marchio come Negroni, è un esercizio che non dovremmo mai smettere di fare . Proprio per questo, la vitalità e la novità portate dagli studenti di tutte le scuole coinvolte hanno confermato in pieno quanto un brand come Negroni resti attuale e contemporaneo, poggiandosi su decenni di storia", ha raccontato Francesco Poroli. “I progetti presentati ci hanno messo di fronte a molteplici e interessanti reinterpretazioni del marchio Negroni. La selezione riassume modi di raccontare di grande varietà, dalla pura astrazione alla semplice quotidianità. Sono immagini empatiche, che è un po’ come se strizzassero l’occhio a chi guarda e invitassero a entrare nel loro universo”, ha concluso Anna Godeassi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli