Detenuto picchiato dagli altri carcerati

Anthony Smith
Anthony Smith

Anthony Smith era in carcere per aver abusato del figlio di 4 mesi. I detenuti lo hanno sequestrato e picchiato per due ore con delle scatolette di tonno.

Detenuto che ha abusato del figlio di 4 mesi picchiato dagli altri carcerati con scatole di tonno

Il detenuto Anthony Smith, che sta scontando una condanna a 10 anni per aver picchiato e abusato del figlio Tony, di appena 4 mesi, fino a fargli perdere le gambe, è stato sequestrato dagli altri carcerati e picchiato per due ore con le scatolette di tonno. Secondo quanto ricostruito dalle autorità locali, due detenuti di 31 e 36 anni hanno spinto l’uomo nella sua cella dopo aver preso la colazione e lo hanno picchiato con armi improvvisate, ovvero delle scatolette di tonno chiuse nei calzini, ferendolo gravemente, mentre era legato al letto. Durante l’attacco i carcerati hanno gridato che Smith avrebbe dovuto perdere le gambe e hanno minacciato di tagliargliele, facendo riferimento alla violenze sul figlio. In realtà inizialmente i due non sapevano dei crimini di Smith fino a quando un altro detenuto ha gridato loro chi fosse. Lo scopo era avere un ostaggio per chiedere un trasferimento. I due attendevano l’appello dopo una pena di 10 anni per gravi violenze e rapine a mano armata. Smith ha subito gravi lesioni, come fratture e lividi, e ha perso 12 denti.

Pena di 10 anni per crudeltà su minori

Anthony Smith sta scontando una pena di 10 anni per crudeltà su minori dopo che lui e la fidanzata Jody Simpson hanno abusato del figlio di 4 mesi. Il piccolo Tony ha subito lesioni così gravi che hanno costretto i chirurghi ad amputargli entrambi le gambe al ginocchio. Ha imparato a camminare con le protesi e durante il lockdown ha raccolto oltre 1,5 milioni di sterline per il servizio sanitario e l’ospedale che gli ha salvato la vita. La sua campagna con la madre adottiva ha portato anche ad una legge che potrebbe aumentare la pena per casi come il suo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli