Detenuto ucciso dal compagno di cella a Sassari

Carcere
Carcere

Il detenuto Graziano Piana, di 54 anni, è morto in ospedale. Era stato aggredito dal suo compagno di cella nel carcere di Bancali, a Sassari.

Detenuto uccide il compagno di cella con uno sgabello a Sassari

Graziano Piana, 54 anni, è morto in ospedale. Il detenuto era stato aggredito nel carcere di Bancali, a Sassari, dal suo compagno di cella. Lo ha colpito in testa con uno sgabello. L’uomo era stato trasportato d’urgenza all’ospedale Santissima Annunziata di Sassari, dove è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Le indagini, coordinate dalla Procura di Sassari, sono svolte dalla Polizia penitenziaria. Un detenuto di 27 anni, originario della provincia di Nuoro, è accusato dell’omicidio. L’aggressione è avvenuta poco dopo che il detenuto è entrato nella cella in cui dormiva Piana, probabilmente a causa di un battibecco. L’aggressore soffre di disturbi psichiatrici ed è stato trasferito in isolamento.

Emergenza del sistema penitenziario a Sassari

In Sardegna continuiamo a denunciare l’emergenza del sistema penitenziario” ha dichiarato Michele Cireddu, segretario regionale della Uil-Pa. “L’istituto di Sassari considerato di 1° livello continua a non avere un direttore ed un comandante in pianta stabile malgrado siano presenti circa 500 detenuti appartenenti ai vari circuiti, compresi quelli al 41 bis. Sino a quando non arriveranno interventi concreti il rischio di eventi critici drammatici è sempre attuale, non si può continuare in questo modo” ha aggiunto. Cireddu ha ricordato che la carenza organica interessa tutti i ruoli e ricade sulle unità di polizia penitenziaria in servizio, costrette ad assumersi ulteriori responsabilità. “Al personale presente durante l’aggressione vogliamo esprimere la nostra vicinanza” ha concluso Michele Cireddu.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli