Dg Welfare lombardo: Astrazeneca è sicuro, avanti con vaccinazioni

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 12 mar. (askanews) - "Il vaccino Astrazeneca è sicuro". Lo ha ribadito oggi il direttore generale dell'assessorato al Welfare, Giovanni Pavesi, in un'intervista a Lombardia Notizie Online. "In Lombardia - ha spiegato il direttore - abbiamo raggiunto il milione di dosi inoculate e in nessun caso, né con l'utilizzo di Astrazeneca, né con la somministrazione di altri vaccini, abbiamo registrato eventi avversi importanti. Quindi la campagna vaccinale prosegue".

"I vaccini che utilizziamo, a partire da Astrazeneca sono sicuri e sono stati utilizzati in milioni di dosi sia in Italia, sia nel resto del mondo, senza aver mai registrato situazioni di particolare pericolo, quindi non c'è motivo per i nostri cittadini di dubitare sulla sicurezza e sulla continuità della campagna vaccinale" ha proseguito Pavesi, sottolineando che "abbiamo precauzionalmente isolato il lotto che ci è stato segnalato da Aifa e da quel lotto in questo momento, non sono risultate situazioni di preoccupazione o di eventi avversi sui cittadini che lo hanno ricevuto". "Ovviamente se qualcuno, che è stato vaccinato avesse qualunque tipo di sintomo, può contattare il medico di riferimento o il centro in cui si è vaccinato e verrà prontamente preso in carico in assoluta sicurezza" ha proseguito, spiegando che "non abbiamo elementi che si inducano a sospendere le vaccinazioni". "Ricordiamo sempre - ha concluso Pavesi - che il vaccino è l'unico strumento forte che abbiamo attualmente a disposizione per liberarci dalla pandemia".

La Regione ha comunicato che sono 31.722 le dosi di vaccino AstraZeneca del lotto ABV2856 somministrate nei diversi Centri vaccinali attivi in Regione Lombardia "e, come detto, ad oggi non sono state registrate particolari segnalazioni da parte dei pazienti inoculati". Precisamente sono state somministrate 3.516 dosi tramite l'Ats Bergamo, 3.409 attraverso quella di Brescia, 4.102 dall'Ats Brianza, 12.325 da Ats Milano, 2.697 tramite da Ats Insubria, 1.476 tramite Ats Montagna, 376 attraverso Ats Pavia e 3.871 da Ats Val Padana.