Di Battista avverte Conte: "Renzi ambisce a nomine"

webinfo@adnkronos.com

"Buongiorno Presidente!!! Ovvio che Renzi ambisce alle nomine ed era piuttosto chiaro che avrebbe fatto questa 'robetta' dopo aver incassato due ministri e un paio di sottosegretari. E che lo doveva fare prima? Diamine, io Renzi l'ho preso di petto (contribuendo insieme ad altri al suo declino) quando veniva descritto come De Gaulle perché non l'ho mai sopravvalutato, ma non l'ho neppure mai sottovalutato". Così Alessandro Di Battista in un post su Facebook rivolgendosi al premier Giuseppe Conte. 

"Leggo - spiega - ma sono sempre le solite fonti di palazzo Chigi che non si sa mai se siano vere, che il premier sia rimasto allibito per la scelta di Renzi e che abbia pronunciato questa frase: 'Me lo doveva dire prima, Renzi vuole solo potere e nomine'".  

"I sondaggi non contano nulla - aggiunge -, contano i parlamentari che controlla e con i quali cercherà di 'ricattare' questo Governo minacciando di farlo cadere (senza mai volerlo fare) se dovessero mai passare leggi contrarie agli interessi della sua ciurma". "Tutto questo, credetemi - prosegue -, l'ho detto a tutti nelle ultime settimane esattamente come mesi fa dissi (venendo persino accusato di voler destabilizzare il Governo, ma ho chiarito con chi di dovere ed è acqua passata) che Salvini avrebbe fatto cadere il governo prima della votazione sul taglio dei parlamentari. Non ho la sfera di cristallo, semplicemente li conosco e oltretutto, forse, da fuori, si vedono le cose in modo più limpido". 

E sempre parlando del Pd, Di Battista dice: "Ora vi faccio una domanda. Davvero tutto questo vi sorprende? Io capisco l'indignazione, ma lo stupore proprio no. Leggo in rete lamentele sulla scelta di ministri e sottosegretari. C'è chi ha avuto i brividi per Gentiloni commissario in Europa, chi per Franceschini alla cultura, chi per l'entrata nel governo delle varie Malpezzi, Ascani, Morani o dei vari Fiano o Scalfarotto. Perdonatemi ma chi pensavate che il Pc avrebbe mai messo, Mandela, Kennedy, Allende?", conclude.