Di Battista: "Contrario a vendita armi all'Egitto"

webinfo@adnkronos.com

''Il governo M5S-Pd ha venduto delle armi all'Egitto e io sono profondamente contrario. Mi si dirà che sono un idealista e non conosco la realpolitik", ma ''per me Regeni è un cittadino italiano e questa è anche una questione che riguarda l'identita dello Stato italiano e l'interesse nazionale". ''Il tema è l'indebolimento geopolitico del nostro Paese negli ultimi 30 anni", perché ''durante la Prima Repubblica eravamo più forti''. Lo ha detto Alessandro Di Battista a 'mezz'ora in più', su Rai3. "Regeni era un cittadino italiano prima di essere un ricercatore. Che ci stiamo a fare nella Nato se non riusciamo a convincere i partner, a cominciare dagli Usa, se non riusciamo a trovare una sponda e far sì che si possa fare luce nel governo egiziano in relazione a questa vicenda? La pressione si può fare a livello internazionale. Bisogna avere la forza di dire agli Usa 'non vi interessa darci una mano? Non ci interessa stare in Afghanistan'. Così si prova a creare una lobby positiva. Li errori non li ha commessi questo governo e basta. Di Maio ha cominciato a fare il ministro degli Esteri e subito dopo è arrivato il Covid, non accuso minimamente il ministro Di Maio".