Di Battista sulla crisi di governo aperta da Salvini: "Spettacolo da vomito"

"Questo politicante di professione manda tutto all'aria per pagare cambiali a parlamentari terrorizzati dal taglio delle poltrone o agli amici del 'suocero' Verdini che se la fanno sotto per la riforma della prescrizione che entrerebbe a breve in vigore. Il bello è che dirà in Parlamento che non si possono fare queste cose perché quelli del 5 Stelle lo trattano male poro amore". Alessandro Di Battista non fa nome ma il dettaglio anagrafico - la compagna del leader della Lega è la figlia dell'ex parlamentare FI Denis Verdini - chiarisce che si riferisca a Matteo Salvini. "Spettacolo da vomito di chi si è mascherato da protettore del Popolo ma che è schiavo del sistema", conclude l'ex deputato M5s a proposito della crisi di fatto nella maggioranza di governo.

"Nelle prossime settimane si potrebbero fare alcune cose straordinarie che il 'sistema' detesta", annota Di Battista che passa così a esemplificarle: "1. Tagliare 345 poltrone di parlamentari. Sono già passate 3 votazioni diamine, manca solo la quarta! 2. Togliere le concessioni autostradali ai Benetton. Tra poco arriva il 14 agosto, la data della tragedia del Ponte Morandi, non è passato nemmeno un anno da quei morti. 3. Trovare soldi per la flat-tax (se fatta bene e' una buona cosa) 4. Far fare a Giorgetti i decreti attuativi per la legge sullo sport e togliere finalmente a quel ruffiano di Malagò - accusa - la gestione clientelare di milioni di euro".