Di cosa parlare durante la terapia quando non hai niente in particolare da dire

Adele Sarno

Se vai regolarmente dallo psicoterapeuta probabilmente avrai discusso di un’ampia gamma di temi. La terapia è una risorsa eccellente se stai affrontando depressione, problemi al lavoro o in famiglia, difficoltà nelle relazioni o altre situazioni complicate.

Ma a volte può capitare che tu non abbia nulla da dire. È molto probabile che la notte prima della seduta tu sia rimasto sveglio a chiederti: “Di cosa cavolo parlerò domani per un’ora intera? Non è successo niente questa settimana”.

Questa ansia ingiustificata è comune tra i pazienti, specialmente quando hanno appena iniziato la terapia. Ma i terapeuti dicono che alcune delle sedute più appaganti sono quelle in cui il paziente inizia dicendo: “Non ho particolari novità”.

“Quando le persone arrivano senza qualcosa che li incupisca o da cui si sentano sopraffatti, possiamo andare molto più a fondo del solito”, dice Satya Doyle Byock, una psicoterapeuta di Portland, in Oregon, Stati Uniti.

In queste occasioni il terapeuta invita spesso i clienti a prendersi del tempo per notare ciò che sta accadendo dentro di sé, “per affinare la consapevolezza del proprio corpo e della vita interiore”, dice a HuffPost. La si può considerare una rapida meditazione pre-terapia.

Quel momento di silenzio di solito non dura a lungo. Inevitabilmente emerge qualcosa che vale la pena approfondire.

“Un paziente potrebbe iniziare dicendo ‘Ah, stavo pensando... ’ oppure ‘Mi è venuto in mente questo ricordo’ o un sogno interessante, continua Doyle Byock. “Si tratta davvero di ottimi punti di partenza per affrontare questioni rilevanti per il paziente”.

“Uno dei maggiori pregiudizi sulla terapia è che ne possiamo trarre vantaggio solo in momenti di crisi, quando abbiamo qualcosa di specifico da risolvere” - Kathleen Dahlen Devos, psicoterapeuta di San Francisco 

Alcuni pazienti arrivano con una lista di argomenti di cui parlare durante la seduta. Più spesso di quanto non si pensi però, la...

Continua a leggere su HuffPost