La sindrome della manina travolge il governo

Pietro Salvatori

La giornata stava volando via tutto sommato tranquilla rispetto al tour de force e alle tensioni che si sono rincorse nelle ultime settimane, quando intorno alle 20 della sera le agenzie battono l'imponderabile. Testuale: "FLASH - Manovra: Di Maio, al Quirinale testo manipolato, denuncia a procura". "Non so se è stata una manina politica o una manina tecnica, in ogni caso domattina si deposita subito una denuncia alla Procura della Repubblica perché non è possibile che vada al Quirinale un testo manipolato sulla pace fiscale", recita il testo dell'agenzia. Panico. Si rincorrono telefonate e messaggi. I 5 stelle che rispondono spiegano che probabilmente il capo politico 5 stelle si riferisce al documento che deve ancora essere spedito, qualora non arrivasse come concordato durante l'ultimo Consiglio dei ministri, qualcuno parla di errore dei giornalisti che stavano assistendo alla registrazione di Porta a Porta. Ma errore non è. È una vera è propria sindrome della manina. Perché le parole del vicepremier sono studiate. Mentre parla, i suoi social diffondono lo stesso messaggio a tamburo battente. Nero su bianco questa volta, senza possibilità di errori o fraintendimenti.

Il punto è che non esiste nessun testo. Perché al Cdm si è raggiunto un accordo politico, e il testo del decreto fiscale - un collegato alla manovra oggetto dell'attacco di Di Maio, al Colle non c'è. Prima di arrivarci deve essere bollinato dalla Ragioneria generale dello stato. Che al momento sta ancora lavorando a pieno regime. Una fonte del ministero dell'Economia spiega in tempo reale ad Huffpost: "Non so proprio a cosa si riferisca, servono ancora almeno 36-48 ore prima di avere l'articolato definitivo".

E quindi? Quindi succede che arriva una nota dell'ufficio stampa di Sergio Mattarella: "Si precisa che il testo per la firma del presidente della Repubblica non è ancora pervenuto al Quirinale". Cortocircuito. La comunicazione 5 stelle inizia a ricalibrare il tiro: "Non sarà...

Continua a leggere su HuffPost