Di Maio: "Arata? Puzza di bruciato si sentiva da lontano"

webinfo@adnkronos.com
di Ileana Sciarra  "Rispetto il lavoro della magistratura, non voglio entrare nel merito, certo in questo caso la puzza di bruciato si sentiva da lontano... Ogni volta che c'è un minimo sospetto su qualcosa, in cui emergono legami con la corruzione e la mafia, la politica deve saper subito prendere le distanze". Così il vicepremier e ministro, Luigi Di Maio, sentito telefonicamente dall'Adnkronos, commenta l'arresto di Paolo Arata, il consulente per l’Energia del ministro Matteo Salvini.

di Ileana Sciarra  

"Rispetto il lavoro della magistratura, non voglio entrare nel merito, certo in questo caso la puzza di bruciato si sentiva da lontano... Ogni volta che c'è un minimo sospetto su qualcosa, in cui emergono legami con la corruzione e la mafia, la politica deve saper subito prendere le distanze". Così il vicepremier e ministro, Luigi Di Maio, sentito telefonicamente dall'Adnkronos, commenta l'arresto di Paolo Arata, il consulente per l’Energia del ministro Matteo Salvini.