Di Maio: autonomia sarà fatta ma senza danneggiare Italia -2-

Psc

Napoli, 29 lug. (askanews) - Nel post su Facebook, il vicepresidente del Consiglio è tornato a ribadire alcuni concetti già espressi questa mattina a Napoli, dove ha partecipato a un convegno sul regionalismo differenziato. "Per arrivare a questo, le altre regioni devono essere messe nella condizione di cogliere un'occasione storica: quella di un'autonomia che ci permetta di garantire, insieme, i livelli essenziali di prestazione, il fondo di perequazione e un investimento straordinario sul Sud. Per come era stata progettata, questa autonomia - ha spiegato - andava a discapito non solo delle regioni del Sud, ma anche del Centro".

Di Maio ha poi rimarcato l'esempio della scuola: "Grazie al MoVimento 5 Stelle si è scongiurato il problema dei docenti su base regionale. Non avrebbe avuto senso che un bambino che si iscrive a scuola, se lo fa in una regione ha più docenti o docenti pagati di più, e, se si iscrive in un'altra regione, ha meno insegnanti o meno pagati. Non sceglie lui dove nascere, la sua scuola deve essere all'altezza in tutta Italia e soprattutto deve essere una e indivisibile".

Il ruolo dell'Osservatorio e del sistema accademico sarà "guidarci e stare al nostro fianco durante il percorso che ci porterà all'autonomia. Perché l'autonomia sarà fatta, ma nessuno può permettersi di indebolire l'Italia: e indebolire il Centro-Sud significherebbe fare un danno a tutta l'Italia. Anche no", ha concluso.