Di Maio chiude a Franceschini: "Noi 5 stelle orgogliosamente diversi dal Pd"

HuffPost

Una porta che si chiude ancor prima di aprirsi davvero. Luigi Di Maio ribadisce che fra M5S e Pd non c’è futuro, perché “noi siamo orgogliosamente diversi da certe forze politiche che quando hanno avuto la possibilità di governare invece di tutelare il nostro Paese hanno pensato bene di svenderlo all’Europa e di portare avanti politiche d’austerità che hanno prodotto povertà e disoccupazione”. E così via con una lunga serie di distinguo. La replica del capo politico del Movimento è a Dario Franceschini, che sul Corriere della Sera aveva spinto i dem a cercare un dialogo con M5S a difesa di valori che vengono messi in discussione dall’avanzata di Matteo Salvini. 


“Ultimamente i giornali non fanno altro che scrivere di un’alleanza tra Pd e MoVimento in procinto di decollare... Quanta fantasia” scrive Di Maio su Facebook.

 

“Noi siamo orgogliosamente diversi da certe forze politiche che non hanno avuto il coraggio di prendere una posizione ben precisa dopo lo scandalo sugli affidi dei minori di Bibbiano e che vedono propri esponenti coinvolti in questa drammatica vicenda.  Noi siamo orgogliosamente diversi da certe forze politiche che quando hanno avuto la possibilità di governare invece di tutelare il nostro Paese hanno pensato bene di svenderlo all’Europa e di portare avanti politiche d’austerità che hanno prodotto povertà e disoccupazione. Noi siamo orgogliosamente diversi da certe forze politiche che invece di risolvere il problema dei migranti hanno fatto business tramite false cooperative. Lo ribadiamo ancora una volta: noi siamo orgogliosamente diversi dal Pd e non vogliamo avere nulla a che fare con un partito che invece di supportare la nostra battaglia di civiltà nei confronti dei cittadini, ha saputo criticare il reddito di cittadinanza e oggi sta facendo le barricate contro il salario minimo.  Noi siamo profondamente diversi da questi individui che hanno tradito la fiducia degli italiani!

Anche Zingaretti chiude la...

Continua a leggere su HuffPost