Di Maio: ci aspettiamo sì da tutti i partiti a taglio parlamentari

Luc

Roma, 30 lug. (askanews) - "Oggi è un bel giorno per M5s perché mancano 7 settimane per il taglio di 350 parlamentari e oggi in commissione Affari Costituzionali alla Camera inizia la discussione del provvedimento ed è l'ultimo voto che bisogna fare: nella seconda settimana di settembre tagliamo per sempre 345 parlamentrari della Repubblica. La prossima volta che votiamo avremo 345 poltrone in meno, stipendi in meno, portaborse in meno". Lo afferma il vicepremier Luigi Di Maio (M5s), in diretta su facebook commentando l'avvio, oggi alle 12.15 nella prima commissione di Montecitorio, dell'ultimo passaggio della riforma costituzionale sul taglio dei parlamentari. "Veniamo apostrofati come quelli del no ma ci aspettiamo un sì da tutte le forze politiche", aggiunge.

Di Maio ringrazia "i parlamentari perché parlamentari che tagliano se stessi non li ho mai visti. Con la riforma di Renzi si volevano tagliare gli elettori, non le poltrone. Noi risparmiamo 500 milioni di euro, li potremo reinvestire ma non è solo questione di soldi bensì di semplificazione dello Stato. Abbiamo il numero dei parlamentari più alto d'Europa, poi ci sono tante leggi inutili, atti che creano alle imprese soltanto un sacco di problemi, si aggiungono emendamenti che creano ulteriori lungaggini amministrative e burocratiche. Dunque non è solo un taglia-poltrone ma un atto di semplificazione dello Stato".

"La seconda settimana di settembre festeggeremo una riforma che cambierà il Parlamento e la politica per sempre: manderemo a lavorare gente che da 20-30 anni è lì dentro e potremo avere un Parlamento più semplice in cui il problema non è mai stato il bicameralismo ma il numero delle poltrone. Faremo qualcosa che non è mai stato fatto in oltre 70 anni di Repubblica", conclude.