Di Maio: Commercio estero assegnato a MAECI, ora più efficaci

Rea

Roma, 19 set. (askanews) - "Sono convinto che avendo messo sotto lo stesso ministero", quello degli Esteri, "tutte le politiche sul commercio estero potremo essere più efficaci ed efficienti". Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio saluta così, in una diretta Facebook, l'approvazione da parte del Cdm del decreto legge che - tra le altre misure - riorganizza le competenze in materia di promozione del commercio estero, sottraendole al Ministero per lo Sviluppo Economico ed accorpandole tutte sotto la Farnesina.

"Da ministro degli Esteri ora e prima da ministro dello Sviluppo Economic, ogni volta che mi trovo all'estero la nostra rete consolare e delle ambasciate mi parla di una reputazione eccellente delle nostre imprese, soprattutto quelle del Made in Italy: più vado in giro, più incontro ministri e Capi di Stato, più mi ritrovo a parlare dell'ecellenza dei nostri imprenditori, del made in italy. I nostri ambasciatori ogni giorno con la propria rete delle ambasciate e dei consolati promuovono nel mondo tutto quelle eccellenze enogastromoniche, della meccanica, della farmaceutica. Prima le competenze erano sotto il Mise e sotto il Mae: sono convinto che avendo messo sotto lo stesso ministero anche le politiche commerciali potremo essere più efficaci ed efficienti", ha rivendicato Di Maio, che ha voluto fortemente questa riorganizzazione. Il titolare della Farnesina ha sottolineato come "l'export italiano è aumentato anche in questi mesi in cui in Europa la situazione non è delle migliori, con l'economia della Germania che non sta andando bene". Dunque "è importante per fronteggiare le difficoltà in Europa guardare fuori dall'Europa: Est del mondo, Medio Oriente, ma anche Paesi africani con economie fiorenti o che si stanno sviluppando". (segue)