Di Maio condanna attacco Iran: "Atto grave"

webinfo@adnkronos.com

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio condanna l'attacco di Teheran contro le basi militari in Iraq, "un atto grave che accresce la tensione in un contesto già critico e molto delicato". Intervenuto su Facebook, il titolare della Farnesina esprime "vicinanza ai nostri militari" ed esorta le parti "alla moderazione e alla responsabilità". "È accaduto quello che temevamo - scrive il titolare della Farnesina su Facebook - L’Iran ha risposto al raid Usa lanciando decine di missili contro le basi militari di Ayn al-Asad e di Erbil in Iraq. Entrambe ospitano personale della coalizione internazionale anti-Isis, di cui fa parte anche l’Italia. Seguiamo con particolare preoccupazione gli ultimi sviluppi e condanniamo l’attacco da parte di Teheran. Si tratta di un atto grave che accresce la tensione in un contesto già critico e molto delicato". 

"In queste ore difficili - continua Di Maio - esprimo a nome del governo anche tutta la mia vicinanza ai nostri militari e li ringrazio. Purtroppo è la storia che si ripete". "Invitiamo entrambe le parti alla moderazione e alla responsabilità - afferma il capo della diplomazia italiana - La regione vive una instabilità da decenni, una nuova guerra spingerà la proliferazione di cellule terroristiche e di nuovi flussi migratori. Non è più accettabile tutto questo. Si apprenda dagli errori del passato e si torni al dialogo". 

FARNESINA - Dopo il "grave attacco" iraniano in Iraq, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio esorta a "raddoppiare lo sforzo politico e diplomatico per normalizzare la situazione e ristabilire la sicurezza nell’area", sottolineando che "l’opzione militare non può essere in alcun modo accettata". E' quanto si legge in una nota diffusa dalla Farnesina, in cui il ministro esprime "vicinanza e gratitudine" ai soldati italiani e "condanna l'attacco da parte di Teheran a due basi che ospitano soldati della coalizione". "L’Italia - si legge nella nota della Farnesina - segue con particolare preoccupazione gli ultimi sviluppi in Iraq e condanna l’attacco da parte di Teheran a due basi che ospitano soldati della coalizione. Si tratta di un atto grave che accresce la tensione in un contesto già critico e molto delicato". “Il primo pensiero va ai nostri militari impegnati nel Paese, cui esprimiamo vicinanza e gratitudine", continua la nota , citando le parole del ministro Di Maio. "Reiteriamo il nostro fermo appello a tutti gli attori perché esercitino moderazione e si astengano da ulteriori reciproche provocazioni. Va invece raddoppiato lo sforzo politico e diplomatico - sottolinea il titolare della Farnesina - per normalizzare la situazione e ristabilire la sicurezza nell’area. L’opzione militare non può essere in alcun modo accettata. Ulteriore instabilità nella regione avrà conseguenze dirette e di lungo periodo sulla sicurezza su scala globale. Siamo confrontati con minacce comuni e più gravi, a partire dall’estremismo violento e dal terrorismo, che traggono vantaggio da situazioni di tensione per emergere con maggiore forza, costituendo un rischio per noi tutti". "L’Italia è pronta - conclude Di Maio - in coordinamento con i partner europei, a sostenere ogni azione che possa favorire il dialogo e il confronto costruttivo nella regione del Golfo".