Di Maio: entro dicembre attivisti M5S voteranno nuovi coordinatori

Bar

Napoli, 13 ott. (askanews) - La nuova organizzazione del Movimento 5 stelle nascerà entro dicembre. Il processo è stato illustrato dal capo politico stellato, Luigi Di Maio, nel suo intervento di chiusura a Italia a 5 stelle.

Sarà un processo a tappe: i candidati al "Team del futuro", i dodici responsabili tematici che dovranno coordinare l'azione del M5S a livello nazionale, dovranno presentare il loro progetto politico nel periodo che va dal 12 ottobre all'11 novembre. "Ognuno che si presenta - ha spiegato Di Maio - mi deve dire, ci deve dire cosa vuole fare su quel tema, come intende coinvolgere i cittadini e gli attivisti, con quale stile, con quale metodo. Non deve essere un solista, deve essere in grado di mettere insieme un gruppo di lavoro, altrimenti è una persona che divide e non unisce".

"In questo periodo - ha proseguito il leader del M5S - potremo organizzare eventi e iniziative per presentare i progetti. Poi dal 5 novembre avremo la possibilità di presentare le squadre legate a ciascuno dei candidati che si presentano. Fino al 29 novembre verificheremo i progetti, la conformità: è chiaro che se vuoi proporre gli inceneritori o la vendita nelle armi nel mondo non hai capito bene cos'è il Movimento".

Di Maio ha chiarito anche che chi si vuole proporre per il Team "dovrà avere delle competenze ma anche dei requisiti, non avere doppi incarichi, non essere ministro. A dicembre - ha spiegato rivolgendosi agli attivisti sotto il palco - potrete votarli. A dicembre avrete una squadra nazionale che si prende la responsabilità di portare avanti gli obiettivi del Movimento".

"Poi - ha sottolineato - passeremo, sempre a dicembre, ai facilitatori regionali, e inizieremo a livello regionale a organizzare dei grandi eventi di formazione". Di Maio ha spronato la base del Movimento ad avviare per tempo le selezioni degli aspiranti candidati alle elezioni locali previste il prossimo anno ad ogni livello: "Dobbiamo tornare ad imparare anche invitando soggetti non del Movimento. Non dobbiamo avere paura, l'umiltà è sempre stata la nostra forza. E così avremo anche il tempo di valutare se quelle persone si devono davvero candidare...".