Di Maio: "L'Afghanistan è un esempio delle difficoltà dell'Occidente"

·1 minuto per la lettura

AGI - "Il caso dell'Afghanistan è certamente esemplificativo delle difficoltà che incontra oggi l'Occidente anche nelle sue espressioni multilaterali". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in un suo intervento al meeting di Rimini, dove ha partecipato a una riunione su Istituzioni internazionali e multilateralismo alla prova in tempo di Covid. Le difficoltà, ha aggiunto, "si sommano a quelle sperimentate nell'ultimo anno e mezzo con il Covid".

La principale priorità del governo italiano in questa fase convulsa della crisi afghana è "la protezione dei civili", ha detto Di Maio al meeting, aggiungendo che "la messa in sicurezza degli afghani che hanno collaborato a vario titolo con la comunità internazionale e di personalità che si sono esposte a favore dei diritti umani e civili è al centro dei nostri sforzi".

"L'Italia, presente con il console e un nucleo di militari presso l'aeroporto di Kabul - ha proseguito - continua a lavorare per portare in salvo i collaboratori e gli attivisti che vogliono lasciare il Paese. Abbiamo evacuato finora circa 1.600 civili afghani, nostri ex collaboratori e loro familiari. Il piano è di trasferirne in Italia circa 2.500". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli