Di Maio lascia, lungo applauso della platea M5S: "I peggiori nemici sono all'interno"

HuffPost
di maio

“Oggi è una giornata importante per il M5s, una di quelle che ricorderemo grande lucidità; è una di quelle giornate che passerà alla storia del nostro Movimento. Un motivo sono le parole importanti che Di Maio ha annunciato oggi e che dirà tra poco, non so se saranno passo a lato o un passo indietro. Grazie dal profondo del cuore a Di Maio per quello che ha fatto”. Così Emilio Carelli, deputato M5S e facilitatore della comunicazione, durante l’evento di presentazione dei facilitatori regionali a Roma.

I ringraziamenti a Di Maio hanno innescato un lungo applauso per il leader uscente del Movimento 5 Stelle da parte della platea grillina al Tempio di Adriano.  “Luigi, Luigi”: lo hanno scandito i parlamentari e militanti del Movimento 5 stelle accogliendo Luigi Di Maio sul palco del Tempio di Adriano.

“Oggi sono qui per rassegnare le mie dimissioni da capo politico del M5s, si chiude una fase e ci vediamo agli stati generali. Ci sarò e non mollerò mai”. “Per stare al governo serve essere presenti sul territorio in maniera organizzata: ci ho lavorato un anno e ho portato a termine il mio compito. Ora inizia il percorso verso gli Stati generali”, ha detto Di Maio. “E’ giunto il momento di rifondarsi: oggi si chiude un’era. Ed è per l’importanza di questo momento che ho iniziato a scrivere questo documento un mese fa”. “Abbiamo tanti nemici, qualcuno che resiste e che ci fa la guerra. Ma nessuna forza politica è mai stata sconfitta dall’esterno. I peggiori nemici sono quelli che al nostro interno lavorano non per il gruppo ma per la loro visibilità”, ha proseguito Di Maio. “C’è chi è stato nelle retrovie e, senza prendersi responsabilità è uscito allo scoperto solo per pugnalare alle spalle”.  “C’è chi ha messo il Movimento davanti a tutto e chi si è messo davanti al Movimento. Chiedo un po’ di pudore”, ha aggiunto ribadendo la necessità di allontanare “chi colpisce alle spalle”.

“Ho lavorato...

Continua a leggere su HuffPost