Di Maio: nessuna fronda, raccolta firme rafforza gruppi -2-

Pol/Vep

Roma, 25 set. (askanews) - Di Maio ha poi spiegato in una intervista a Sky Tg24 di aver "sentito il senatore che ha raccolto le firme, Dessì, e anche molti dei senatori che avevano firmato il documento: in realtà guardando il documento non si parla né del capo politico né della leadership del Movimento".

"È una procedura interna per modificare lo statuto del gruppo, è legittimo e rientra nelle dinamiche del gruppo parlamentare, ed è firmato da persone con cui lavoriamo ogni giorno. Credo che sia stato un grande malinteso" ha aggiunto.

"Riguardo alle dichiarazioni di alcuni senatori - ha proseguito - dico che siamo in una forza politica in cui io ho ottenuto l'80% dei consensi come capo politico, non il 100% per fortuna, e dico anche che, nei prossimi mesi, la mia idea di ristrutturare il Movimento con il Team del futuro e i Facilitatori regionali sarà portata avanti e nei prossimi mesi avremo un'organizzazione del Movimento che prima non ha mai avuto".