Di Maio: nessuno pu arrogarsi diritto rimuovere statua Montanelli

red/Mgi

Roma, 12 giu. (askanews) - "Il 2 giugno 1977, pi di quarant'anni fa, Indro Montanelli prese a camminare lungo la cancellata dei giardini pubblici di Milano. Gli si avvicinarono due giovani. Uno dei due estrasse dal giubbotto una pistola con silenziatore e spar otto colpi. Quattro proiettili andarono a segno: tre attraversarono la coscia destra e l'altro trapass un gluteo e si ferm contro il femore sinistro. Montanelli non cadde subito. Il suo pensiero, anche in quegli istanti, fu quello di restare in piedi, aggrappandosi a una inferriata che aveva accanto. In piedi, con la schiena dritta, com' sempre stato. Era stato colpito il pi grande giornalista italiano di allora, oggetto in quel periodo di una campagna d'odio senza precedenti. Le Brigate Rosse rivendicarono l'attacco": lo scrive il ministro degli Esteri, Luigi di Maio, sul suo account di Facebook.

(Segue)