Di Maio: relazioni con Cina non sono paragonabili a quelle con Usa

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 giu. (askanews) - "L'Italia è un forte partner commerciale della Cina, abbiamo relazioni storiche, ma che non sono assolutamente paragonabili nè vanno ad interferire con l'alleanza di valori che abbiamo con gli Stati Uniti, nella Nato e nell'Unione europea": è quanto ha risposto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a una domanda sui rapporti tra Italia e Cina durante la conferenza stampa tenuta con il segretario di Stato, Antony Blinken, al termine del vertice della coalizione anti-Isis.

Di Maio ha ringraziato per la domanda, rivolta da un giornalista Usa, potendo così chiarire "la posizione dell'Italia dal punto di vista sia delle alleanze geopolitiche che delle alleanze di valori".

"Noi siamo alleati degli Usa, siamo partner della Nato e dell'Ue, e questa non è soltanto un'alleanza strategica, ma un'alleanza di valori, che permette alle nostre democrazie di poter affrontare con credibilità questioni come quella della violazione dei diritti umani", ha detto il ministro. E sulla questione delle violazioni dei diritti umani, Di Maio ha rivendicato il fatto che "l'Italia è stata in prima linea, sia nei consessi dell'Onu a livello multilaterale, sia in Unione europea, quando abbiamo sostenuto le sanzioni in risposta alle violazioni dei diritti umani, e sia durante l'ultimo G7, dove è stata discusso di come rafforzare l'azione dell'Onu sulle violazioni".

"Credo se tutti quanti nel mondo ci diciamo a favore del multilateralimo e delle Nazioni Unite, non credo che oggi ci sia una questione di contrapposizione tra paesi - ha aggiunto - c'è un'azione dell'Onu in corso per la verifica delle violazioni sul tema dei diritti umani e credo che l'Onu debba avere la possibilità di verificare".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli