Di Maio riunisce la squadra del M5S

webinfo@adnkronos.com

Gli obiettivi da centrare da qui a fine anno e quelli di lungo raggio, ovvero da realizzare entro fine legislatura. Luigi Di Maio, rientrato da New York, ha riunito ministri e viceministri M5S alla Farnesina per fare il punto sul lavoro che i 5 Stelle dovranno portare avanti nel governo giallo rosso, nato dalle macerie dell'accordo con la Lega. Sullo sfondo le tensioni che hanno agitato il Movimento nei giorni in cui il ministro agli Esteri e capo politico dei 5 Stelle era negli States, che però nel corso della riunione, raccontano, vengono lasciate fuori dalla porta.  

Dopo un primo incontro con la squadra M5S di governo, settimana scorsa, dove aveva chiesto ai ministri una ricognizione sui temi su cui puntare, oggi Di Maio ha voluto rivedere i suoi, per premere l'acceleratore sul lavoro da portare avanti. Taglio del cuneo, salario minimo, politiche green, riforma della giustizia e commercio estero, tra i temi più battuti da Di Maio, che ha chiesto a ciascun esponente di governo di tracciare una mappa di quel che si intende realizzare, da qui al 31 dicembre e, più in generale, entro fine legislatura, perché la convinzione è che il governo veleggerà per i prossimi 4 anni, non replicando la disavventura vissuta con la Lega di Matteo Salvini.  

Il punto, raccontano, è stato fatto anche sui migranti, uno dei temi più battuti dal precedente governo, con Di Maio che è tornato a ribadire che presto -a inizio settimana prossima è fissata la deadline- ci saranno novità importanti.  

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE  

- M5S, "restituzioni non vanno tassate"  

- Incontro di lavoro, ma la sequestrano e la violentano  

- Roma-Lega A, scintille social sulla lotta al razzismo