Di Maio: "Sono stanco di litigare"

webinfo@adnkronos.com

"Le dico con grande onestà una cosa, così spegniamo subito tutte le polemiche che sono state alimentate sui giornali: io sono stanco di litigare. E così la pensano anche tutti gli italiani che incontro ogni giorno". Intervistato dal 'Corriere della Sera', il vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio, parla dei rapporti con l'alleato Matteo Salvini. 

"Il M5S non ha paura di governare, scriviamo insieme la manovra e continuiamo a cambiare il Paese", dice, sottolineando che "bisogna abbassare le tasse con la flat tax e il taglio del cuneo fiscale, poi dobbiamo fare il salario minimo e tanti altri provvedimenti importanti che servono ai cittadini".  

"Non soffermiamoci sui puntini e sulle sfumature, andiamo direttamente alla sostanza. L’abbiamo fatto in un anno e mezzo di governo. Adesso prendiamoci i meriti delle cose fatte e continuiamo su questa strada. Con Conte e Salvini abbiamo lavorato bene, andiamo avanti così".  

I numeri "ci sono, ormai manca poco all’approvazione di questo provvedimento". Luigi Di Maio è sicuro che non ci saranno problemi a far passare in Senato il dl Sicurezza bis. "Mi permetta di ricordare anche l’emendamento voluto dal M5S: le navi non autorizzate ad entrare nelle acque italiane verranno confiscate", dice nell'intervista al Corsera. 

"Con questo provvedimento finiranno anche i siparietti che mettono realmente a rischio la vita degli esseri umani e, come è accaduto, dei nostri militari", conclude il capo politico del M5S.