Di Maio: stabilizzazione Mediterraneo non passa solo per la Libia

Sim

Roma, 30 ott. (askanews) - "La stabilizzazione del Mediterraneo non passa solo per la Libia". Lo ha detto oggi in Senato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, precisando: "Abbiamo una serie di questioni aperte, e penso all'Egitto e al caso Regeni. Penso alle relazioni che non abbiamo coltivato molto, e per questo venerdì andrò in Marocco, un player importante che richiede un maggiore avvicinamento. Guardiamo con apprensione a quello che accade in Algeria e Tunisia, e non è un caso che il numero maggiore di migranti che stiamo vedendo sbarcare sulle nostre coste parta oggi dalle coste tunisine".

Secondo il ministro, in tale ottica "è stata un'occasione persa che alla conferenza di Berlino sulla Libia non siano stati invitati Algeria e Tunisia, paesi confinanti e che richiedevano di essere protagonisti. Due paesi importanti non solo per la difesa dei confini, ma anche perchè comprendono molto di più le nostre ragioni come Italia, rispetto a tanti altri partner che abbiamo".