Di Maio: su Libia serve compattezza, Europa parli con voce unica

Fco

New York, 24 set. (askanews) - Da parte dell'Unione Europea occorre "compattezza" sul dossier Libia, perchè parteggiando per una delle parti si "finisce in un modo o nell'altro per creare squilibri". Lo ha affermato da New York, dove si trova per l'Assemblea generale delle Nazioni Unite, il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio, che ha invitato il Vecchio Continente a parlare "con una voce".

"Sulla Libia c'è tanto da fare, l'unica cosa che secondo me è importante come Unione Europea in questo momento è che se noi come Paesi dell'Ue decidiamo di seguire una linea, che è la soluzione pacifica e democratica, allora poi tutti quanti con una voce e con una sola azione dobbiamo operare", ha spiegato il titolare della Farnesina, "Ci deve essere compattezza per risolvere il problema della Libia, anche da parte dei Paesi dell'Ue. E non parteggiare per una delle parti, perchè quando si entra nel gioco di stare da una parte o dall'altra si finisce in un modo o in un altro per creare squilibri".