Conte vede Pd e M5S

webinfo@adnkronos.com

E' previsto alle 17 a palazzo Chigi un nuovo incontro, dopo quello di sabato, tra il premier incaricato, Giuseppe Conte, e i capigruppo di Pd e M5S per spianare la strada al nuovo esecutivo. Il principale nodo da sciogliere resta la questione dei vice presidenti del consiglio. Ci saranno o no? Occorre convincere Luigi Di Maio che, secondo le cronache di questi giorni, non intende recedere dalla richiesta di fare il numero due nel governo. 

Intanto sul fronte M5S resta tutto in bilico in attesa di Rousseau. E' il messaggio che trapela da fonti presenti all'incontro di a Palazzo Chigi con Luigi Di Maio. Il capo politico del M5S ha voluto incontrare ministri e sottosegretari del Movimento per ringraziarli del lavoro svolto negli ultimi 14 mesi. "Comunque andrà sono orgoglioso di loro", scrive sui social il capo politico pentastellato postando una foto di gruppo dopo la riunione. Intanto,  

I riflettori sono puntati sulla consultazione online prevista domani sulla piattaforma Rousseau, il cui responso viene considerato dirimente dai big del Movimento. "Se dovessero prevalere i no, il presidente del Consiglio dovrà sciogliere la riserva di conseguenza: in modo negativo. Non vedo alternativa", ha detto questa mattina il capogruppo 5 Stelle al Senato, Stefano Patuanelli. Se il voto sulla piattaforma Rousseau dovesse andare male "ne trarremo le conseguenze", ha fatto eco Manlio Di Stefano.