Di Muro (Lega): "Proposta matrimonio? Accuse di Fico non le capisco"

webinfo@adnkronos.com

"Mi ha detto di sì, ci sposeremo entro il 2020". E' quanto racconta all'Adnkronos il deputato leghista Flavio Di Muro che nell'Aula della Camera ha chiesto la mano della sua compagna Elisa De Leo che era in tribuna mentre era in corso la votazione sul decreto legge sul terremoto. "Se ci sono state critiche mi spiace, perché ho registrato un applauso unanime da parte dei colleghi parlamentari. Sono intervenuto pochi minuti prima dell'esame del provvedimento proprio per non impattare sullo svolgimento dei lavori", ha detto Di Muro riferendosi anche al richiamo del presidente della Camera Roberto Fico intervenuto subito dopo la proposta di matrimonio.  

"Mi scuso - ha precisato Di Muro - se ho disturbato i lavori e abusato dell'attenzione dei colleghi e dell'Aula. Devo, tuttavia, sottolineare che da quando sono stato eletto e da anni - pensiamo solo a ieri! - nella Camera ci sono registrati insulti, risse, dibattiti accesi. Per una volta invece c'è stato un minuto e mezzo di amore, di sentimenti. Non mi sembra di aver fatto il male di nessuno". 

"Elisa era emozionata - ha aggiunto -, ha accolto la mia proposta pubblica con grande sorpresa. Lei è più timida di me, è rimasta davvero colpita". Ma è stata una proposta spontanea? "In questi casi si pensa sempre di scrivere un discorso, ma davanti all'emozione non si può che improvvisare!"