Di ritorno dall'Australia, cameriera inglese si trova un ragno gigante in valigia

Una sorpresa non certo piacevole quella di cui è stata protagonista una cameriera inglese al ritorno da un viaggio in Australia. Una volta tornata a Hay-on-Wye, cittadina gallese sul fiume Wye, al confine con la contea inglese di Herefordshire e non lontano dalla catena del Brecon Beacons, la donna ha trovato nella propria valigia un ragno che sembra si sia intrufolato nel bagaglio durante il viaggio.

L'esperto: i test sugli animali? Non sono inutili

E’ stata proprio la donna, ovviamente spaventatissima dalla scoperta, a descriverlo come grande oltre dieci centimetri, peloso e delle dimensioni “di una palla da tennis”. L’animale in questione è della famiglia dei ragni cosiddetti “cacciatori”, aracnidi molto spesso di grandi dimensioni, in grado di raggiungere anche i 30 centimetri di distanza tra le estremità delle zampe.

Tartaruga alligatore avvistata a Milano: ci sono pene troppo blande per i trafficanti

Possono essere paragonati alle tarantole e in generale risultano essere poco aggressivi e scarsamente velenosi nei confronti dell'essere umano, eppure si dimostrano abili e voraci predatori in presenza di una potenziale preda. Il ragno, una volta scoperto, è stato catturato e portato al West Midlands Safari Park. La responsabile della struttura, Jamie Wood, ha confermato il fatto che i ragni cacciatori non sono considerati particolarmente pericolosi, ma possono comunque dare “morsi sgradevoli” per l’uomo. La cameriera, Sian Ward, lavora nel locale gestito dalle zie, il Granary Cafe: “Le mie zie mi chiedono spesso di affrontare i ragni che troviamo nel negozio: avevano detto che questo era un po' più grande del solito, ma ho pensato che stessero esagerando.

Il caso: da Haichiko a Capitan: i cani riescono a stupire gli uomini

Quando l'ho visto – ha detto ancora la donna - ho capito che non si trattava di un normale ragno”. Alcuni dei clienti, continua a raccontare la cameriera, “volevano schiacciarlo, ma insieme all’aiuto di mio padre lo abbiamo chiuso in un barattolo e portato ai veterinari”. Una volta ricevuto e identificato, I medici dell’Hay Veterinary Group hanno affidato l’animale alle cure del West Midlands Safari Park.

Scarafaggi tecnologici per il soccorso sotto le macerie


Ricerca

Le notizie del giorno