Diabete e insulino-resistenza in gravidanza, a rischio capacità cognitive -3-

Rus

Roma, 22 ott. (askanews) - "Riteniamo che i risultati delle nostre ricerche abbiano rilevanti implicazioni cliniche, in quanto tracciano una mappa delle 'modificazioni epigenetiche' che le malattie metaboliche possono imprimere sul nostro DNA influenzando le funzioni cerebrali dei nostri discendenti - concludono i ricercatori dell'Università Cattolica, campus di Roma, che hanno presentato lo studio in anteprima al congresso della Society for Neuroscience in corso a Chicago -. Queste 'impronte molecolari' costituiscono un fattore di suscettibilità al declino delle funzioni cognitive, quindi potrebbero rappresentare nuovi biomarcatori, nonché bersagli terapeutici per la medicina personalizzata dei disturbi cognitivi. Le nostre ricerche evidenziano, infine, la necessità di prestare la massima attenzione al diabete in gravidanza, per i potenziali danni che questa condizione può generare a carico delle capacità di apprendimento e memoria della prole".