Diabete, esperti: complicanze renali e cardiovascolari enorme onere -3-

Cro-Mpd
·1 minuto per la lettura

Roma, 4 giu. (askanews) - Nell'ambito dell'iniziativa "A New Era in Diabetes Care", Mundipharma ha condotto una survey su 9.143 adulti in otto paesi in Europa, che ha rilevato diverse lacune nella consapevolezza del T2DM e delle sue complicanze sistemiche come CKD e CVD. Quasi la met degli intervistati (42%, 3.840) non era a conoscenza dell'esistenza di due tipi principali di diabete (tipo I e tipo 2) e quasi tutti (94%, 8.594) non erano a conoscenza del fatto che 9 persone su 10 con diabete soffrono di Diabete Mellito di Tipo 2. Quando stato chiesto quali fossero le complicanze pi gravi di quest'ultimo, solo un terzo (32%, 2.926) degli intervistati ha scelto le Malattie Renali Croniche, e meno della met (46%, 4.206) ha scelto quelle vascolari, nonostante questi siano due delle principali cause di morte in questa popolazione di pazienti. I partecipanti non erano inoltre sicuri dei sintomi della malattia renale cronica, solo il 7% ( 640) consapevole che nelle prime fasi della malattia renale cronica non ci sono sintomi, che rende vitale condurre uno screening di routine per diagnosticare la patologia prima che sia progredita. Per quanto riguarda il trattamento della Malattia Renale, quasi la met degli intervistati (43%, 3.931) non era a conoscenza del fatto che, sebbene incurabile, il peggioramento della malattia pu essere controllato mediante un trattamento adeguato e gestendo la pressione sanguigna e i livelli di zucchero nel sangue. Anche l'impatto della CKD stato sottovalutato con solo il 29% (2.651) delle persone che pensa che possa avere un impatto maggiore sulla salute mentale e meno della met (47%, 4.297) ritiene che abbia un impatto importante sulla qualit della vita.