Diabete: un nuovo sistema per il monitoraggio continuo del glucosio

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 5 lug. (askanews) - Un mini sensore delle dimensioni di una moneta da 5 centesimi in che si applica sulla parte posteriore del braccio e consente di avere un monitoraggio minuto per minuto sui livelli di glucosio nel sangue. Si chiama "FreeStyle Libre 3" il sistema di ultima generazione sviluppato da Abbott, azienda leader nel settore health-tech, che oggi è disponibile anche in Italia, paese che conta oltre 3,5 milioni di persone con diabete. Basta collegarsi a un'app sul proprio smart-phone per avere in tempo reale aggiornamenti sui livelli di glucosio e perciò tenere sotto controllo la glicemia. Un sistema di monitoraggio in continuo con un livello di accuratezza clinica (MARD) inferiore all'8%.

"Questi dispositivi bio-indossabili, permettendo un controllo accurato e continuo dei valori, possono aiutare il medico e le persone con diabete, in particolare di tipo 1, ad interpretare meglio l'andamento delle glicemie ed evitare episodi di ipoglicemia", spiega Riccardo Schiaffini, diabetologo dell'Ospedale Bambino Gesù di Roma, che evidenzia: "I pazienti ora possono visualizzare il proprio glucosio con una rapida occhiata al cellulare, senza necessità di scansionare il sensore, e possono prendere decisioni più informate e più velocemente".

FreeStyle Libre 3 è l'ultimo nato della gamma FreeStyle Libre e si affianca agli altri due dispositivi Flash (flash glucose monitoring) ampliando il ventaglio delle soluzioni disponibili per il monitoraggio del glucosio con sensori nelle persone con diabete tipo 1 e tipo 2. "I dispositivi medici per il monitoraggio del diabete con sensori entrano sempre più nella nostra pratica clinica, anche tra i pazienti con diabete tipo 2 in terapia insulinica, con evidenti vantaggi rispetto ai sistemi convenzionali", commenta Emanuele Bosi, diabetologo dell'Ospedale San Raffaele di Milano, che aggiunge: "Lo conferma anche un nostro recente studio condotto in sedici centri italiani su persone con diabete di tipo 2 in terapia insulinica multiiniettiva. I pazienti che utilizzavano il sensore indossabile per il monitoraggio flash della glicemia avevano un miglior controllo sull'emoglobina glicata rispetto ai pazienti che adottavano il metodo convenzionale di auto-monitoraggio glicemico mediante glicemia capillare. Con queste tecnologie le persone acquisiscono maggiore consapevolezza, e avere la propria glicemia sempre sotto controllo aiuta a gestire meglio il diabete".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli