Diabolik, bruciata di nuovo la panchina dell'omicidio

webinfo@adnkronos.com

Un nuovo incendio ha interessato la panchina nel parco degli Acquedotti a Roma dove il capo degli Irriducibili della Lazio, Fabrizio Piscitelli, è stato ucciso il 7 agosto scorso. Ieri invece sulla sagoma di cartone che lo ritrae con gli occhiali da sole e il berretto mentre espone una sciarpa della Lazio, con su scritto 'Amore e Coraggio - il dodicesimo uomo in campo', è stato praticato da ignoti un foro, come a indicare il proiettile che ha ucciso Diabolik.  

Già giovedì scorso le fiamme avevano interessato la stessa panchina. In quell'occasione una candela, caduta a causa del vento, avrebbe generato l'incendio. Ad alimentare le fiamme poi le tante sciarpe e bandiere annodate alla panchina dai tifosi laziali e dagli amici di Piscitelli, che dal giorno dell'omicidio, ancora irrisolto, continuano a portare fiori e ricordi sul luogo del delitto