Diabolik, l'appello della moglie al Papa: "Offeso nostro dolore"

webinfo@adnkronos.com

di Silvia Mancinelli  

"Papa Francesco, vorrei portare alla Sua attenzione la vicenda che ha colpito la mia famiglia e che si aggiunge al già straziante dolore della perdita di mio marito, Fabrizio Piscitelli. Per opera di un provvedimento del Questore non possiamo garantirgli un degno funerale". E' l'appello che Rita Corazza, moglie dell'ultras della Lazio rivolge al Pontefice. 

"Premetto che rispettiamo profondamente le istituzioni e i pubblici poteri, ma vediamo fortemente leso un nostro diritto e soprattutto offeso il nostro dolore - aggiunge - quindi non posso non lottare per veder dichiarata l'inammissibilità di quel provvedimento. Non mi riferisco agli aspetti tecnico-giuridici, che ho già sollevato nelle sedi opportune, mi riferisco all'aspetto umano e spero che Lei ascolti queste mie parole".