Diabolik ucciso da killer con volto coperto

webinfo@adnkronos.com

Ha impugnato una pistola calibro 7,65 sparando un solo colpo che ha sorpreso Fabrizio Piscitelli, noto come Diabolik, alle spalle. Si è confuso tra la gente con il volto coperto il killer dell'ultras della Lazio, ucciso oggi alle 19 al parco degli Acquedotti. Ha agito a colpo sicuro, esplodendo il proiettile dritto alla testa dell'obiettivo, morto sul colpo. Gli agenti della Squadra Mobile stanno ascoltando quanti erano presenti nella speranza che qualcuno ricordi anche solo un particolare utile a identificare l’assassino dileguatosi come era arrivato, tra la folla.