Dialogo intercorso tra l'ex premier e il garante del Movimento 5 Stelle

·2 minuto per la lettura
telefonata Conte Grillo
telefonata Conte Grillo

Tra l’ex premier Giuseppe Conte e il garante del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo potrebbero esserci delle aperture sul futuro del partito, pur rimanendo ancora molti i nodi da sciogliere. Questi i punti salienti della telefonata intercorsa tra i due leader nella quale sarebbero stati definiti molti dettagli cruciali per il prosieguo dell’ex premier tra le fila dei grillini. Stando a quanto trapelato da fonti vicine ai 5 stelle potrebbero esserci dunque degli spiragli. Per qualsiasi altro dettaglio, Giuseppe Conte – riporta ansa – “potrebbe fare un punto della situazione” nella giornata di lunedì 28 giugno.

Telefonata Conte Grillo, cosa potrebbero prevedere gli accordi

Cosa potrebbero prevedere gli accordi alla luce della telefonata tra Conte e Grillo? Da fonti parlamentari si apprende che Beppe Grillo dovrebbe continuare a svolgere il suo ruolo di Garante, mentre a Conte, in qualità di nuovo capo politico, spetterebbero poteri decisionali per ciò che concerne le nomine e la comunicazione. Nonostante queste ultime aperture le distanze non apparirebbero appianate. Stando a quanto appreso i grillini vorrebbero che sia Conte a prendere le redini del Movimento senza tuttavia dimenticare chi ha scritto la storia del Cinque Stelle.

Telefonata Conte Grillo, Carlo Sibilia: “L’albero cambia le foglie, ma conserva le radici”

Proprio sull’importanza di rinnovare il Movimento senza tuttavia disconoscerne la storia e i valori alla base, il sottosegretario del Ministero dell’Interno Carlo Sibilia con un intervento dai toni metaforici ha ricordato ha ricordato come “L’albero cambia le foglie ma conserva le radici”. Ha tuttavia proseguito mettendo in evidenza come il prossimo passo sia quello di “rifondare le idee e crescere”, parlando infine della necessità di “conservare i principi e le origini. Questo non va dimenticato”.

Telefonata Conte Grillo, Giuseppe Brescia: “Confido in un accordo”

Anche il presidente della commissione degli Affari Istituzionali alla Camera Giuseppe Brescia in un recente intervento al quotidiano “Il Messaggero” ha auspicato ad un accordo tra il nuovo capo politico e il garante dei cinque stelle: “Confido in un accordo, al momento le posizioni sembrano distanti, ma credo anch’io come Beppe che al Movimento 5 Stelle serva la sua visione oltre alle capacità di Conte. Non è solo questione di riconoscenza per quel che è stato finora, ma di dare al Movimento parole nuove e una nuova agenda. Beppe è indispensabile per questo, anche in campagna elettorale”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli