Dichiarato lo stato di emergenza in 30 città di Pernambuco e quella di Recife è la più colpita

In Brasile le alluvioni hanno ucciso decine di persone
In Brasile le alluvioni hanno ucciso decine di persone

Per le violentissime alluvioni in Brasile il bilancio delle vittime si aggrava e ci sono già decine di morti ritrovati dai soccorritori nei cumuli di macerie accatastate dalla furia dell’acqua. I media spiegano che le autorità hanno dichiarato lo stato di emergenza in molte città della regione di Pernambuco e che la città di Recife è la più colpita da una terribile ondata di maltempo che sta flagellando in Brasile con fenomeni severi fin dall’inizio dell’anno, quando le prime alluvioni avevano interessato la zona di Rio De Janeiro.

Decine di morti per le alluvioni in Brasile

Purtroppo in termini numerici si è aggravato ancora il bilancio delle vittime causate dalle forti piogge nel Nord Est del Brasile. I dati che giungono in queste ore dallo Stato di Pernambuco parlano chiaro e sono terribili: secondo l’ultimo rapporto della Protezione Civile nelle ultime 12 ore sono stati ritrovati altri 3 corpi a Recife. La città è stata colpita in maniera terribile dalla violenta ondata di maltempo che si è abbattuta sulla regione dalla fine di maggio. Il bilancio è quindi salito a 127 morti. La polizia e le agenzie nazionali spiegano che le piogge torrenziali hanno causato l’esondazione di fiumi e innescato frane che hanno spazzato via edifici interi.

Le città interessate da crolli ed evacuazioni

I crolli si sono verificati in particolare a Camaragibe, Olinda, Paulista e Jaboatao dos Guararapes. Altissimo anche il numero di sfollati che è destinato purtroppo a crescere, visti i danni ingenti e l’urbanistica spesso non a norma: il loro numero salito a 9.302. Circa 30 città del Pernambuco hanno dichiarato lo stato di emergenza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli