Dieci anni fa la band di CasaPound cantava 'Andrà tutto bene'

webinfo@adnkronos.com

E' nata dieci anni ispirata a un rapporto d'amore, ma oggi calza a pennello per l'Italia e la drammatica fase che sta vivendo a causa dell'emergenza coronavirus: la canzone degli 'ZetaZeroAlfa', gruppo musicale e band di riferimento di Casapound, 'Andrà tutto bene' ricalca anche nel titolo la frase, ormai virale, divenuta simbolo di una comunità che spera e resiste.  

"La nostra canzone, 'Andrà tutto bene', è uscita nel 2010 con l'album 'Disperato Amore'. Parlava di un rapporto, era dedicata a una donna, ma ora può essere allargata a una comunità, in questo caso è l'Italia che ne ha bisogno", afferma all'Adnkronos il cantante degli 'ZetaZeroAlfa' e leader di Casapound Gianluca Iannone. 

"Passeranno questi giorni, queste ore di abbandono. Si scioglierà la neve, vedrai andrà tutto bene. Questa notte così lunga, già domani sarà un ricordo. Tu sarai ancora più bella, vedrai andrà tutto bene!", recita l'inizio della canzone, che in questi giorni gira su tante chat.  

"Mi auguro che l'Italia ne esca più forte di prima e non dimentichi, assolutamente, la situazione attuale: sia da chi siamo governati sia il trattamento che ci sta dando l'Unione europea. Noi, come Casapound, diciamo da sempre di uscire dall'Europa", sottolinea Iannone. 

Le misure adottate sono state "giuste" ma l'emergenza è stata "presa troppo alla leggera e sotto gamba - prosegue - Ricordo ancora i politici che mangiavano gli involtini primavera, che dicevano 'abbraccia i cinesi, il vero virus è il razzismo'. Tutte non notizie, ma questo è il clima politico". "Però crisi vuol dire anche opportunità - conclude Iannone - Mi auguro che l'Italia torni a essere un popolo sovrano".