Diego Moreno, la sua rivisitazione del brano di Fausto Cigliano

·3 minuto per la lettura
Diego Moreno Dieguito tango
Diego Moreno Dieguito tango

Diego Moreno dà una nuova vita al brano “Dieguito tango”, la canzone di Fausto Cigliano, scritto nel 1987 per celebrare Maradona e la storica vittoria dello scudetto del Napoli, nel 1987. Diego Moreno ha cuore, anima e artisticità divise tra Napoli e Mar de la Plata, la sua città. In sé scorre sangue argentino, la terra d’origine a cui resta legatissimo. Ma dopo tanti anni vissuti nel capoluogo campano, si reputa a tutti gli effetti un napoletano d’adozione. Diego incontrò Maradona nel 1991, poco prima della sua partenza. A distanza di anni dal loro incontro e a pochi mesi dalla sua scomparsa, il cantautore argentino ha voluto rendere omaggio al grande calciatore passando attraverso la canzone di Fausto Cigliano, anche lui grande, però per la musica napoletana. Il progetto è un doppio omaggio uscito sia in italiano sia in spagnolo il 10 maggio, proprio il giorno in cui il Napoli vinse lo scudetto.

La rivisitazione di Diego Moreno è stata registrata a metà tra l’Argentina e Napoli, con un gruppo di eccellenti musicisti argentini che hanno ridato vita al tango di Cigliano, infondendogli una nuova energia. Nell’intervista esclusiva Diego Moreno ha presentato il progetto che ha dato vita al suo nuovo singolo, ha descritto non solo la passione che lo lega da sempre alla musica, ma anche la bellezza del tango e la cultura di cui fa parte. Ha confidato i ricordi che conserva al fianco di Diego Armando Maradona e l’eredità immateriale e preziosa che ha lasciato.

Diego Moreno, “Dieguito tango”: il progetto

La produzione del brano è stata curata da Diego Moreno tra l’Argentina e l’Italia, avvalendosi di un eccellente organico argentino sotto la direzione musicale del Maestro Juan Pablo Gez Carballo, componente del Quinteto Triunfal, formazione argentina specializzata nel repertorio di Astor Piazzolla.

“Dieguito tango” si aggiunge così al repertorio di Moreno prendendo un posto importante nel suo progetto “TangoScugnizzo” (Premio Masaniello 2014 e Premio Nicolardi 2020), patrocinato dall’Ambasciata Argentina in Italia.

Diego Moreno Dieguito tango
Diego Moreno Dieguito tango

Diego Moreno, “Dieguito tango” è il suo nuovo singolo

Con la consueta gentilezza e con la voce carica di entusiasmo, Diego Moreno ha presentato la sua rivisitazione del brano “Dieguito tanto”.

Come quasi tutte le cose belle, questo progetto è nato per caso. Ho conosciuto una band argentina che, venuta a Napoli per esibirsi, mi hanno contattato e mi hanno fatto conoscere “Dieguito tango”, brano napoletano che per loro avrei potuto cantare molto bene per via della mia doppia vena, da un lato quella napoletana e dall’altro quella argentina”, ha raccontato a proposito del suo nuovo singolo. Solo a inizio anno “ho deciso di realizzare una mia versione del brano, dalla raffinata qualità melodica. Ho scelto di fare uscire la canzone il 10 maggio, in occasione del 34esimo anniversario dello scudetto vinto dal Napoli”.

Nel 1991 ha incontrato Diego Armando Maradona e ripensando a quei momenti ha svelato: “È stato un incontro eccezionale. Lavoravo in uno studio televisivo a Napoli. Tra una performance e l’altra, durante un’ora di pausa, siamo andati a vedere un suo allenamento. Ci aveva promesso che sarebbe venuto a trovarci. Non ci potevamo credere, ma mantenne la promessa e per un’ora ci offrì la sua compagnia. La sua lealtà e la volontà di portare a termine quanto promesso, mostrandosi sempre al fianco degli ultimi, caratterizzavano quello che definisco “un Dio umano”, con il suo lato negativo, ma anche con quello più bello”.

Parlando di “Dieguito tango”, ha aggiunto: “Fausto Cigliano ha mostrato massima bravura ed eleganza, plasmando e trasformando in musica il modo di giocare e di essere Maradona”. Così ha concluso Diego Moreno, riprendendo il testo della canzone e descrivendo delicatamente il suo protagonista: Maradona.

Quindi ha sottolineato: “Essendo argentino e vivendo a Napoli da anni, mi è sembrato giusto provare a riprendere questa canzone”, prestando rispetto per la sua versione originale e, al contempo, cercando di farla propria, mettendoci la sua vocalità e tutte le sfumature personali e artistiche che lo caratterizzano. “A distanza di 34 anni dall’uscita del brano, ho voluto omaggiare di nuovo Diego Armando Maradona, argentino come me e che, come me, ha vissuto diversi anni a Napoli. Ho provato a farlo nel migliore dei modi e penso che il risultato arriverà”, ha aggiunto.

Sull’amore per il tango e la sua centralità nella cultura argentina, Diego Moreno ha commentato: “È una danza che è parte di noi argentini. “El tango te espera”, dice un detto argentino. È meraviglioso: puoi intraprendere strade diverse, ma prima o poi il tango si presenta nella tua vita. Il tango è musica e parole: è una filosofia di vita. Sono felice di avere un’innata vena tanguera”.

Diego Moreno, “Dieguito tango” e i prossimi progetti

Dopo il successo di “Bella chao” e la soddisfazione per il suo nuovo album, “Singoli”, Diego Moreno ha intrapreso un nuovo progetto, offrendo la sua versione di “Dieguito tanto”. Una canzone dalle melodie raffinate e dal testo iconico, capace di evocare e omaggiare un popolo, una cultura, un atleta che per molti era tanto di più e non un semplice calciatore.

Pensando a quello che verrà e ai prossimi passi del suo lavoro, ha spiegato: “Prima di mettermi al lavoro su altri progetti, desidero presentare gli ultimi lavori realizzati. Non vedo l’ora di tornare a esibirmi davanti al pubblico: il palcoscenico è parte integrante della mia professione e della mia vita”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli