Diffamazione a Salvini: appello conferma condanna a Toscani

Fcz

Milano, 27 nov. (askanews) - Oliviero Toscani è colpevole di diffamazione aggravata nei confronti di Matteo Salvini e perciò dovrà versare al leader della Lega 8 mila euro per risarcimento danni, oltre che pagare le spese processuali. Lo ha stabilito la Corte d'Appello di Milano che ha confermato la condanna inflitta al noto fotografo nel primo grado di giudizio.

Nel mirino di Salvini, che lo querelò e poi si è costituito parte civile nel processo contro di lui, sono finite alcune dichiarazioni rilasciate da Toscani nel dicembre 2014 ai microfoni de "La Zanzara", nota trasmissione in onda su Radio24, dopo la pubblicazione sulla rivista "Oggi" di un servizio fotografico che ritraeva il numero uno del Carroccio a letto a torso nudo. "Ma poverino, non ha proprio niente da fare. In quelle foto sembra un maialino sotto il piumino. Uno che dice di uscire dall'Europa e poi si fa fotografare così", erano state le parole di Toscani che poi aveva rincarato la dose: "Salvini fa i pom...., va benissimo per quello. A chi li fa? Salvini fa i p... ai cretini, fa anche rima. Prende per il culo chi lo vota".