Diga sul Nilo, Etiopia: nessun accordo nei negoziati con Egitto

Fth

Roma, 14 lug. (askanews) - L'Etiopia ha annunciato oggi di non aver raggiunto "nessun accordo" nei negoziati conclusi ieri con l'Egitto e Sudan sulla controversa questione della diga al Nehda sul fiume Nilo voluto da Addis Abeba e contestato sia dal Cairo che da Khartoum, due paesi che hanno forte bisogno del grande corso d'acqua per le proprie agricolture.

"I negoziati trilaterali sulla GERD ( acronimo di Grand Ethiopian Renaissance Dam, ndr) avvenuti negli ultimi 11 giorni in presenza di 11 osservatori e esperti informati si sono conclusi ieri sera. Sebbene siano stati compiuti progressi, non stato raggiunto alcun accordo rivoluzionario", ha detto in un tweet oggi Seleshi Bekele, ministro etiope per l'Acqua e l'irrigazione aggiungendo che oggi stesso preprer i rapporti per l'Unione Africana (AU) ed alla presidenza del suo Paese.

"I negoziati dovrebbero continuare, dopo la revisione da parte del Presidente di AU (...) e dei leader dei tre paesi, secondo le loro istruzioni", ha aggiunto il ministro in un secondo tweet..

Ieri anche il Cairo e Khartoum hanno fatto sapere attraverso propri funzionari che l'ultimo round di negoziati tra Egitto, Sudan ed Etiopia sulla controversa diga sul Nilo Azzurro si concluso senza accordo.

Il fallimento affond le modeste speranze che i tre paesi potessero risolvere le loro differenze e firmare un accordo sull'operazione della diga prima che l'Etiopia iniziasse a riempire la Grande diga rinascimentale etiopica (GERD), destinata ad essere il pi imponente del continente africano.

Addis Abeba aveva annunciato l'inizio dei lavori per pompare acqua nel vasto bacino idrico della diga all'inizio della stagione delle piogge a luglio, quando le piogge inondano il Nilo Azzurro.

L'aspra disputa contrappone il desiderio dell'Etiopia di fornire elettricit a una parte significativa della sua popolazione che la manca e di diventare un grande esportatore di energia vendendo il suo surplus, contro la preoccupazione dell'Egitto che la colossale diga ridurr significativamente la sua fornitura d'acqua se riempita troppo rapidamente.

L'Egitto, che dipende quasi interamente dal Nilo per le sue forniture di acqua dolce, vede il progetto come una minaccia potenzialmente esistenziale. ansioso assicurarsi un accordo legalmente vincolante che garantisca flussi minimi e un meccanismo per risolvere le controversie prima che la diga inizi a funzionare.

Da parte sua, il Sudan beneficer del progetto attraverso l'accesso all'elettricit a buon mercato e la riduzione delle inondazioni, ma ha anche sollevato timori per il funzionamento della diga, che potrebbe mettere in pericolo le sue piccole dighe, a seconda della quantit di acqua scaricata a valle quotidianamente.

Anni di colloqui con una variet di mediatori non sono riusciti a produrre una soluzione, con l'ultimo round - mediato dall'Unione Africana (UA) e osservato da funzionari statunitensi ed europei - che non ha dimostrato differenze.

I tre paesi hanno convenuto che avrebbero inviato i loro rapporti al presidente dell'UA e si sarebbero riuniti di nuovo tra una settimana per stabilire i passi successivi.

Riempire il GERD senza un accordo aumenterebbe drasticamente le tensioni, con gli osservatori che temono che potrebbe spingere i paesi interessati sull'orlo di un conflitto militare.

Shoukry ha avvertito che l'Egitto potrebbe essere compilato per fare nuovamente appello al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite affinch intervenga nella disputa, una prospettiva che l'Etiopia respinge, preferendo che organi regionali come l'UU mediano.

"Se esiste qualcosa che minaccia la sicurezza regionale dell'Egitto e della sicurezza internazionale, la responsabilit principale del Consiglio di sicurezza di adottare procedure che impediranno ci", ha affermato.

In una conferenza stampa di luned, il ministro sudanese dell'irrigazione Yasser Abbas ha delineato una serie di punti critici.

Mentre le parti erano "desiderose di trovare una soluzione", persistono disaccordi tecnici e legali sul riempimento e sul funzionamento della diga, ha affermato. Pi importanti, ha detto, sono le domande irrisolte su quanta acqua l'Etiopia rilascer a valle in caso di siccit pluriennale e su come i paesi risolveranno eventuali controversie future.

Hisham Kahin, un membro del comitato legale del Sudan nei negoziati sulla diga, ha affermato che il 70-80 percento dei negoziati ha sollevato la spinosa domanda se un accordo sarebbe legalmente vincolante.

L'Etiopia, ha affermato, teme che un accordo vincolante ostacoler i suoi futuri progetti di sviluppo. Il Sudan e l'Egitto lo considerano critico.

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.